Domande e risposte: Usare l'analisi dati per un impatto sociale positivo


Molly Moon è una leggenda locale: un'azienda gelataia fiorente e molto apprezzata, con otto sedi tra Seattle, Washington, e dintorni, e la missione di trasformare il mondo in un posto migliore. Denise Brown è l'addetta al controllo di gestione di Molly Moon e una delle sue principali responsabilità è quella di far sì che i profitti vengano perseguiti nel pieno rispetto dei valori aziendali.

"Quindi mi occupo di tutte le attività legate ai dati e di tutta la contabilità per l'azienda". Brown dice che Molly Moon si impegna a essere "il datore di lavoro più radicale del settore", adottando in pieno il concetto di "give back", ossia restituire in qualche modo quanto ricevuto, oltre a trattare i dipendenti con il dovuto rispetto e a partecipare attivamente alla collettività locale.

Come può quindi un'azienda sostenere la propria responsabilità a livello finanziario, ambientale e sociale continuando comunque a generare profitti? Lo abbiamo chiesto a Brown, oltre a domandarle come viene usata l'analisi dati in Molly Moon per raggiungere gli obiettivi aziendali.

D: La vostra missione è cambiare il mondo, una cucchiaiata di gelato alla volta. Puoi fornirci qualche esempio e spiegarci anche quanto aiuta l'analisi dei dati nel perseguimento di questo obiettivo?

R: Cerchiamo di avere un impatto sociale estremamente positivo. Collaboriamo con organizzazioni che sostengono i senzatetto o le famiglie in condizioni disagiate, ci impegniamo per la giustizia sociale e siamo politicamente attivi. Inoltre, sin dall'inizio, tutto quello che produce Molly Moon è al 100% compostabile, e ci approvvigioniamo sempre localmente. A tutti i dipendenti viene da sempre assicurato un salario dignitoso e per chi lavora più di 20 ore a settimana è prevista una copertura completa per le spese sanitarie. E facciamo del nostro meglio per semplificare la vita ai residenti di Seattle, a titolo di compensazione.

È importante pianificare tutto questo fin dall'inizio, invece di aggiungere di volta in volta con la crescita del business. Se Molly non avesse potuto realizzare questi obiettivi dall'inizio, credo che avrebbe fatto qualcosa di completamente diverso. Sono questi i valori fondamentali per cui è stata creata l'azienda.

I dati prendono vita

Scopri come creare storie complete e accattivanti per rappresentare perfettamente i tuoi dati.

Scarica l'eBook gratuito

D: Dovendoti occupare di finanze e analisi, in che misura questa missione ha influito sul tuo ruolo?

R: Chi come me è specializzato in finanze deve ovviamente prendere decisioni basate sui profitti, e quindi incrementare le vendite, ridurre i costi, aumentare la copertura del mercato. Per Molly Moon, queste considerazioni sono importanti, ma altrettanto importante è sapere quale sarà l'impatto sull'ambiente, cosa si può fare per contribuire al benessere della collettività, come sostenere la comunità e come continuare a mantenere la percezione di un marchio non come semplice prodotto, ma come un'azienda con una missione.

D: Come fate a sapere che il vostro approccio del "fare del bene" sta funzionando?

R: Ce lo dicono i nostri clienti e la comunità. I nostri dipendenti sentono di far parte di qualcosa che fa del bene. Possono seguire uno dei nostri numerosi programmi che offrono l'opportunità di una partecipazione più diretta. A fine anno, ad esempio, i dipendenti votano per decidere come usare una data percentuale del nostro budget di donazioni. Circa il 95% dei nostri dipendenti contribuiscono al fondo con una donazione prelevata dai loro stipendi, a cui l'azienda aggiunge un importo equivalente.

D: Qual è il ruolo dell'analisi dati per supportare la missione benefica di Molly Moon?

R: Usiamo i dati per definire le nostre aspettative riguardo alle vendite, per identificare chiaramente l'entità della spesa necessaria per il personale, gli ingredienti, eccetera. Dobbiamo essere estremamente accurati, in modo da sapere effettivamente quanto possiamo donare alla comunità nel corso dell'anno per lasciare davvero il segno. Senza le indicazioni che ricaviamo dai dati, procederemmo alla cieca.

D: Sareste in grado di offrire benefit come l'assistenza sanitaria gratuita e i congedi parentali retribuiti senza avere a disposizione i numeri e gli indicatori che ne dimostrano l'efficacia?

R: Non credo proprio. I costi associati a questi benefit rappresentano una parte significativa della nostra spesa e se non riuscissimo a definire con esattezza i budget da stanziare e a chi destinarli, non avremmo la possibilità di prevedere offerte così generose. Per tutte queste decisioni, è fondamentale avere un quadro completo delle prestazioni della nostra azienda.

L'idea alla base del business plan originale di Molly era di offrire buoni posti di lavoro con benefit eccellenti per i dipendenti. Questo approccio doveva essere il principio portante dell'attività fin dall'inizio.

testo alternativo titolo

D: Condividi le informazioni ricavate dai dati con l'intera organizzazione?

R: Effettivamente sì. Nei confronti del team di management abbiamo la massima trasparenza, per cui condividiamo tutte le informazioni finanziarie e prestazionali. È un impegno che rientra nelle nostre iniziative di sviluppo professionale, oltre a contribuire a prendere decisioni più efficaci. E poi condividiamo a tutti i livelli dell'organizzazione informazioni sull'andamento dell'azienda rispetto agli obiettivi, sulla felicità dei dipendenti e la soddisfazione dei clienti, sui gusti preferiti e così via. Così le informazioni più importanti arrivano anche al personale dei punti vendita.

Uno dei vantaggi principali dei dati è la possibilità di creare rappresentazioni grafiche significative per le persone che di solito non hanno a che fare con i numeri. Un grafico a barre, a torta o a linee di qualche tipo può rappresentare i dati in un modo che sia facile da comprendere, assimilare ed elaborare, così chiunque potrà trarne informazioni estremamente significative. Abbiamo un piccolo ufficio, quindi lavoriamo a stretto contatto con il team operativo, che provvede a rappresentare i dati nel modo più adatto per i vari manager che dovranno visualizzarli e usarli.

D: Quali dati dovranno essere analizzati da una piccola impresa che, oltre a generare profitti, aspira alla responsabilità ambientale e sociale?

R: Credo che sia importante soprattutto registrare i dati riguardanti la felicità dei dipendenti e la soddisfazione dei clienti, oltre alla produttività, e quindi monitorarne la quantità nel corso del tempo, l'aumento delle transazioni. Molti di questi dati non sono misurabili come possono esserlo invece i costi delle vendite e delle retribuzioni, nonché i margini che si ricavano da un particolare gusto di gelato, ma è da qui che inizierei.

D: Migliorare il mondo, pur essendo ovviamente auspicabile, è più facile a dirsi che a farsi. Dovrebbe essere questa la missione di tutte le piccole imprese?

R: Credo che sia estremamente importante per le piccole imprese ricambiare in qualche modo la comunità che supporta e sostiene economicamente il business. Quindi, anche se sembra difficile, ritengo che la sensazione di far parte di qualcosa di più grande del business, di supportare i dipendenti, i clienti e quelli che magari non hanno le risorse necessarie, ripaghi esponenzialmente ogni sforzo fatto.

Un'azienda che mette i propri valori al centro di tutto quello che fa avrà più successo, perché questo tipo di passione trapela in tanti modi differenti.

Prodotti correlati

laptop surface con word aperto

Inizia a usare Microsoft 365

È l'Office che già conosci, con in più gli strumenti che ti permettono di collaborare e migliorare la produttività, ovunque e in qualsiasi momento.

Acquista ora